Gemellaggio tra scuole: Sorbolo chiama Maldo

Contesto:

Tra i progetti di sviluppo che Parma per gli Altri realizza nel comprensorio di Shelallà in Etiopia, particolare importanza viene data alla costruzione, riparazione ed equipaggiamento delle scuole di villaggio. Per la realizzazione di questi progetti un ruolo importante lo possono svolgere le scuole italiane alle quali l' Associazione si rivolge come interlocutori privilegiati.
A questo appello ha risposto la scuola di Sorbolo, un grosso centro nelle vicinanze di Parma che ha sigillato un gemellaggio con la scuola di Maldo, un villaggio dell'entroterra nel sud dell'Etiopia.

Descrizione del progetto e obiettivi:

Maldo si trova nel comprensorio di Shelallà a circa 250 km a sud di Addis Abeba. Un villaggio caratterizzato da una precarietà di servizi socio-sanitari, povertà di risorse economiche e approvvigionamento idrico.
Il plesso scolastico di Maldo comprende le classi dalla 1° all' 8, accogliendo circa 1100 tra bambini e ragazzi. Ogni classe ospita almeno 75 alunni. La scuola di villaggio ha ottenuto la realizzazione di pavimentazioni in cemento, la ristrutturazione delle pareti con creazione di fori di ventilazione, la riparazione delle coperture-tetti e l'equipaggiamento delle aule con banchi, cattedre e lavagne.
Ogni tre anni, dopo il periodo delle piogge, è necessario un lavoro di riparazione e ritinteggio delle pareti per evitarne il deterioramento.
A fianco della scuola è stato costruito un pozzo manuale per l'approvvigionamento di acqua potabile non solo per la scuola, ma anche per l'intero villaggio.
Con il gemellaggio tra la scuola di Sorbolo e la scuola di Maldo si è creato un filo che lega le due scuole, in un rapporto di amicizia e di vita condivisa.
L'obiettivo è quello di sostenere la scuola lontana nella gestione degli interventi di manutenzione ordinaria.
E' un legame di solidarietà che favorisce la crescita umana reciproca.

Beneficiari:

Alunni ed insegnanti delle scuole di Sorbolo e di Maldo.

torna a attività sul nostro territorio