Screening ortottico a Shelallà

  • Immagine Screening ortottico a Shelallà
  • Immagine Screening ortottico a Shelallà
  • Immagine Screening ortottico a Shelallà

Contesto:

Il progetto si pone lìobiettivo di migliorare la qualità della vista della popolazione di Shelallà, con particolare attenzione ai bambini in età scolare e prescolare. Va sottolineato che nell'area non sono presenti servizi per lo screening ortottico e pertanto il presente progetto costituisce l'unica possibilità per i bambini di effettuare un controllo visivo, escludere gravi patologie oculari, correggere parzialmente uno strabismo e vizi di refrazione più o meno importanti. E' fondamentale dare ai bambini l'oppertunità di essere visitati agli occhi in età precoce, perché a tale età è ancora possibile curare patologie, altrimenti non più correggibili in seguito.

Descrizione del progetto e obiettivi:

Il progetto si articola nel modo seguente:
1. Attività di sensibilizzazione e informazione in loco.
2. Screening ortottico realizzato da una équipe composta da un ortottista e da un oculista in missione in Etiopia.
Lo screeing prevede una serie di esami, in particolare:
- esame del visus, con grossolana correzione, per escludere patologia importanti, quali retinopatie, cataratte, glaucoma, ecc.
- esame stereoscopico ed esame per rilevazione di scotomi al fine di verificare la presenza di VB;
- esame del CT, per verificare ortoforia o eteroforia.
Durante le visite lìéquipe è affiancata da facilitatori/mediatori culturali messi a disposizione dalla Congregazione delle Suore della Divina Provvidenza di Addis Abeba.
3. Formazione di tecnici locali
4. Fornitura di occhiali messi a disposizione dal Centro Italiano Lions per la Raccolta di Occhiali Usati.

Beneficiari:

I bambini delle scuole e gli adulti del territorio utenti della Clinica S.Maria di Shelallà

Risultati:

E’ fondamentale dare ai bambini l’opportunità di essere visitati agli occhi in età precoce, perché a tale età è ancora possibile curare patologie, altrimenti non più correggibili in seguito. Inoltre il bambino deve affrontare l’inizio della scuola nelle migliori condizioni possibili e sicuramente senza difetti alla vista né per lontano, né per vicino, che ne ostacolino l’apprendimento.
In occasione della missione di novembre 2013 due oculiste professioniste di Parma si sono recate in Etiopia ed è hanno illustrato ed insegnato ad infermieri e Suore come medicare ferite oculari, come svolgere l’esame della vista e compilare cartelle oculistiche, come trattare problemi di secchezza oculare, così frequenti in questa popolazione, legati a condizioni climatiche, a leggere una correzione ottica, per poter consegnare gli occhiali donati dal Lions Club. Sono stati visitati pazienti che necessitano di intervento chirurgico, prevalentemente cataratta. Purtroppo gli interventi chirurgici praticati negli ospedali del territorio sono a pagamento e la maggior parte della popolazione non può permetterselo. L’intervento consta di due parti: asportazione del vecchio cristallino e sostituzione con nuova lente artificiale; ognuna delle due fasi ha un costo separato. E’ ricorrente il caso di pazienti senza sostituzione del cristallino per mancanza di fondi per il secondo intervento rimanendo totalmente ciechi.
E’ stato presentato il progetto anche all’ospedale di Hosanna con possibilità di partecipazione.

torna a sanità
  • località

    Comprensorio di Shelallà - Distretto di Gobora - Etiopia

  • controparte locale

    Suore della Divina Provvidenza e Dirigenti scolastici locali

  • enti finanziatori

    Lions Club - donatore di occhiali.