Opportunità per gruppi di donne di aree rurali etiopiche

  • Immagine Opportunità per gruppi di donne di aree rurali etiopiche

Contesto:

Il progetto si realizza in 4 villaggi rurali nella Hadiya Zone, a circa 250 km a sud di Addis Abeba nella regione SNNPR: Wondo, Horde, Dawro Konta e Maldo.
I villaggi sono penalizzati da uno spiccato isolamento economico e sociale e l'economia si basa su agricoltura e pastorizia di sussistenza; pochissime le attività commerciali ed artigianali.
Nell'area è però presente un grande numero di apicoltori (non ancora censiti), che praticano l'apicoltura con metodo tradizionale.

Descrizione del progetto e obiettivi:

Il progetto si pone l'obiettivo di sostenere i gruppi di donne di arre rurali in un percorso di sviluppo sociale ed autonomia economica, valorizzandone le capacità e le iniziative locali. Si intende favorire l'insediamento della popolazione femminile dell'area in un circuito di crescita economica e sociale indipendente da aiuti esterni, fornendo loro gli input necessari all'attivazione di attività generatrici di reddito.
L'attività relativa alla cera consiste nel recupero della cera grezza presso gli apicoltori della zona, nella raffinazione di questa da parte delle donne e nella successiva lavorazione e trasformazione in candele e altra oggettistica commerciabile.
Verrà inoltre promossa per i gruppi di donne l'attività orticola sia per la sussistenza famigliare e diversificazione alimentare, sia a scopo commerciale, per la generazione di un piccolo reddito.
Nei villaggi di Horde e Wondo verranno realizzate due case della cera secondo tecniche e materiali tipici delle aree rurali, con la duplice funzione di costruire uno spazio per la lavorazione e la commercializzazione dei prodotti (cera e orticoli) e luogo di incontro per i gruppi, nei quali le donne potranno confrontarsi e consolidare il proprio senso di appartenenza cooperativo.
Parallelamente alla formazione tecnica, verrà realizzato un percorso formativo (in campo amministrativo e gestionale, commercale e legislativo) volto alla trasformazione dei gruppi informali di donne, in cooperative autosufficienti, indipendenti e formalmente riconosciute dal governo.

Beneficiari:

Beneficeranno direttamente del progetto i gruppi di donne; in modo più ampio le famiglie delle donne coinvolte grazie all'aumento del reddito e le comunità di appartenenza delle donne che avranno accesso a nuovi prodotti, nuove tecniche artigianali e di coltivazione.

Risultati:

Con il progetto si intendono raggiungere i seguenti risultati:
- 60 donne avranno un'attività economica autonoma, che consentirà loro di contribuire al bilancio famigliare e un migliorato riconoscimento sociale a livello di comunità;
- 4 gruppi artigiani di donne avviati, di cui almeno 2 cooperative;
- 4 modelli di piccola imprenditoria verranno attivati in altrettanti villaggi con i seguenti risultati accessori: volano per lo sviluppo delle comunità e fonte di ispirazione per le donne dell'area.

torna a sostegno alle donne
  • località

    Comunità di Wondo, Horde, Dawro Konta e Maldo.

  • partners

    Associazione Modena per gli Altri

  • controparte locale

    Shelallà Beekeepers Association, Cooperativa donne di Shelallà

  • enti finanziatori

    8 X MILLE della Chiesa Valdese

  • durata del progetto

    Dicembre 2014 - Dicembre 2015