ALL TOGETHER TO REACT – ACQUA , CIBO E OPPORTUNITÀ NELLE COMUNITÀ RURALI IN ETIOPIA DURANTE IL COVID-19

  • Immagine ALL TOGETHER TO REACT – ACQUA , CIBO E OPPORTUNITÀ NELLE COMUNITÀ RURALI IN ETIOPIA DURANTE IL COVID-19

Descrizione del progetto e obiettivi:

In Etiopia, a causa della povertà diffusa, dell’invasione delle locuste e delle conseguenze sociali, sanitarie ed economiche dovute all’emergenza sanitaria covid- 19, si calcola che 25 milioni di persone (sui 110 milioni di abitanti) in aree rurali si trovino nello stato di bisogno di assistenza umanitaria (dati FAO 2020). Le regioni di Hadiya e del Tigray sono tra le zone rurali più povere e remote, infatti sono: ad alta densità abitativa; con carenza di servizi e infrastrutture; strettamente vincolate ad un’agricoltura di sussistenza; con alta disoccupazione giovanile.
I problemi a cui l’intervento progettuale intende dare una risposta sono:
• alti tassi di povertà rurale;
• aumento della difficoltà dell’accesso al cibo;
• aumento segregazione sociale di donne, giovani e etnie minoritarie;
• assenza o carenza di dotazioni e risorse finanziare per l’avvio di attività redditizie sul mercato locale;
• disoccupazione e difficoltà di inserimento nei mercati locali formali e informali di attività economiche rurali;
• aumento del fenomeno migratorio verso zone urbane.
Il progetto vuole ampliare e consolidare i risultati raggiunti con i progetti regionali WE CAN FASE 2 e JOB4ALL con lo scopo di qualificare e rafforzare la strategia di riduzione della povertà.
Obiettivo generale: contribuire a ridurre la povertà rurale e a prevenire la migrazione irregolare nei distretti di Hadiya e del Tigray in Etiopia attraverso il potenziamento e la diversificazione delle fonti di reddito per giovani e donne durante l’emergenza COVID 19.
Gli obiettivi specifici:
1. incrementare, diversificare e integrare i redditi dei giovani, delle donne e delle famiglie in stato di bisogno aggravato di Hadiya e dell’East Tigray attraverso processi e strumenti formativi e di sostegno delle attività produttive agricole, zootecniche, di produzione casearia e artigianali e di commercio al dettaglio.
2. incrementare l’accesso ai beni primari, quali acqua e cibo, delle comunità ed etnie rurali in Hadiya.

Beneficiari:

I beneficiari diretti sono:

• 2.000 persone (uomini, donne e bambini) residenti in Woreda Gomobra e Woreda Lemo, beneficeranno del miglioramento delle condizioni di fruibilità dell’acqua potabile nelle due zone.

• 20 donne tra i 20 e i 40 anni che hanno ricevuto formazione e hanno avviato i vivai di Shallala e Horde, già beneficiare del progetto con cofinanziamento regionale WE CAN FASE 2. Esse beneficeranno dell’incremento del proprio reddito grazie all’ulteriore sostegno alla
propria attività per assicurarne un inserimento nei mercati locali.

• 50 persone componenti di 10 famiglie di Shallala appartenenti alle reti associazionistiche del territorio verranno identificate grazie all’effettivo interesse in materia orticola e in base alla mancanza di possesso di terra per coltivare e/o lontananza della medesima dai punti di rifornimento di acqua. Le famiglie verranno coinvolte nell’avvio di un orto comunitario a Shallala, riceveranno formazione in orticoltura con metodo biologico e compostaggio e beneficeranno dello sviluppo di relazioni collaborative e sociali comunitarie.

• 25 persone componenti di 5 famiglie di etnia Fuga identificate dallo staff di progetto in base all’esperienza e interesse in ambito orticolo vedranno accresciute le proprie competenze in agricoltura sostenibile e di sussistenza.

• 10 tra ragazzi e ragazze tra i 18 e i 30 anni in particolare condizione di fragilità socio-economica che hanno avviato una cooperativa di allevamento bovino grazie al progetto con cofinanziamento regionale JOB4ALL (capofila CEFA). I ragazzi beneficeranno dell’incremento del proprio reddito grazie alla formalizzazione, strutturazione e avvio sul mercato della cooperativa.
• 4 donne di età compresa tra i 20 e i 40 anni che hanno avviato una start up femminile in attività casearia, già beneficiare del progetto con cofinanziamento regionale WE CAN FASE 2. Le donne beneficeranno dell’incremento del proprio reddito grazie all’ulteriore sostegno e potenziamento dell’attività imprenditoriale.

• 60 bambini tra i 2 e i 12 anni in condizione di malnutrizione inseriti nel programma Lotta alla Malnutrizione e Denutrizione Infantile presso la Clinica S. Mary di Shallala coordinato da Parma per gli Altri e Suore della Provvidenza. Essi vedranno migliorata la dieta in termini di qualità.

• 20 donne tra i 17 e 40 anni selezionate dai partner e staff locale in base alla partecipazione e aderenza alle start up, cooperative e associazionismo locale di Shallala vedranno incrementate le proprie capacità di autoconsapevolezza, potenzialità imprenditoriale ed emancipazione femminile

• 20 beneficiari capo famiglia (di cui almeno il 50 % donne) in East Tigray identificati in base a situazioni di fragilità economica che riceveranno una formazione e un capitale per avviare Attività generatrici di reddito.

• 300 persone sul territorio nazionale (studenti universitari, studenti di scuole primarie e secondarie, cittadini, enti del terzo settore e istituzioni locali) che parteciperanno all’evento pubblico di sensibilizzazione, alle attività laboratoriali nelle scuole e alla cena etiopica

Risultati:

I risultati attesi:

1. Approvvigionamento idrico per usi domestici e produttivi di alcune aree dei Woreda Gombora e Woreda Lema più accessibile, efficace ed efficiente;
2. Produzione agricola sociale comunitaria e produzione agricola di sussistenza per e con l’etnia minoritaria Fuga avviate; 3- Due start-up femminili di agricoltura vivaistica potenziate;
3. Una cooperativa giovanile di allevamento bovino e una start up femminile di attività casearia potenziate, strutturate, connesse tra loro e sensibilizzate alla solidarietà grazie al sostegno alla lotta alla malnutrizione infantile
4. 20 donne aderenti alle start up e associazionismo locale di Shellala pienamente consapevoli dei loro percorsi di autonomia imprenditoriale e di capacità progettuale per le loro vite.
5. Attivazione di 20 nuove attività generatrici di reddito di famiglie in condizione di bisogno in Tigray

torna a sviluppo territoriale
  • enti finanziatori

    Co-finanziato dalla Regione Emilia- Romagna

  •