Mulini nel Comprensorio di Shelallà

  • Immagine Mulini nel Comprensorio di Shelallà
  • Immagine Mulini nel Comprensorio di Shelallà
  • Immagine Mulini nel Comprensorio di Shelallà
  • Immagine Mulini nel Comprensorio di Shelallà
  • Immagine Mulini nel Comprensorio di Shelallà
  • Immagine Mulini nel Comprensorio di Shelallà

Contesto:

La zona era caratterizzata da un generale sottosviluppo: carenza dei servizi e delle risorse economiche, isolamento geografico e culturale, difficoltà di approvvigionamento idrico dovuto alla crescente siccità, che compromette i raccolti di cereali (tief in particolare) e costringeva la popolazione, soprattutto donne, a compiere lunghi viaggi per procurarsi l'acqua. Queste ultime, da sempre instancabili lavoratrici, sono i cardini delle famiglie e della società, ma hanno raramente modo di incanalare le risorse personali di cui sono dotate, in attività lavorative organizzate. Molte non hanno i mezzi finanziari per avviare attività, un’istruzione adeguata (il tasso di analfabetismo femminile in Etiopia si aggira intorno al 68,2%), ma soprattutto non hanno esperienza e non vengono incoraggiate.

Descrizione del progetto e obiettivi:

Il progetto ha inteso costruire, attraverso tecniche tradizionali, mulini di villaggio e provvedere al loro equipaggiamento con l'attrezzatura necessaria al loro funzionamento. La gestione dei mulini coinvolgerà frange della popolazione femminile del compresorio di Shelallà.

Vivere in una zona isolata significa essere obbligati a compiere ogni giorno lunghi tragitti trasportando sulle spalle carichi pesanti per approvvigionare la propria famiglia d'acqua o farina. Sono le donne a sostenere i costi maggiori dello scarso sviluppo dell'area e a dover rinunciare a svolgere altre attività creatrici di reddito per recarsi più volte alla settimana al mulino più vicino, distante 5 ore di cammino dal villaggio.
Costruire un mulino nel villaggio significa dare un'opportunità alle donne di dedicarsi ad attività diverse dal trasporto di cibo per la famiglia, come per esempio avviare piccole attività economiche.
Sono stati completati e regolarmente attivi i mulini di Shelallà e di Ordé. E' in progetto la costruzione, attraverso tecniche tradizionali, di un mulino nel villaggio di Wondo e provvedere al suo equipaggiamento con l'attrezzatura necessaria al suo funzionamento.
Il progetto prevede le seguenti fasi:
- Acquisto e messa in funzione dei macchinari
- Costruzione della struttura
- Organizzazione degli aspetti gestionali

Indipendent Volunteers si occuperà dell’acquisto dei macchinari e di parte della costruzione; Parma per Gli altri si occuperà di ultimare la costruzione e verificare gli aspetti gestionali.

Beneficiari:

La costruzione dei mulini ha consentito alle donne di dedicarsi ad attività diverse dal trasporto di cibo e di avviare piccole attività economiche.

Risultati:

Le donne del territorio hanno accesso a mulini più facilmente raggiungibili con risparmio di tempo e di costi.

torna a sviluppo territoriale
  • località

    Comprensorio di Shelallà, Etiopia, nei villaggi di: - Shelallà; - Ordé; - Wondo

  • partners

    Congregazione delle Suore della Divina Provvidenza

  • enti finanziatori

    Privati

  • durata del progetto

    2006 - 2011