WE CAN - DAL NORD AL SUD DELL'ETIOPIA LE DONNE ED I GIOVANI DI HADIYA E MAKALLÈ PROTAGONISTI DELLA LORO INCLUSIONE LAVORATIVA E DELLO SVILUPPO DELLE COMUNITÀ DI RIFERIMENTO

  • Immagine WE CAN - DAL NORD AL SUD DELL'ETIOPIA LE DONNE ED I GIOVANI DI HADIYA E MAKALLÈ PROTAGONISTI DELLA LORO INCLUSIONE LAVORATIVA E DELLO SVILUPPO DELLE COMUNITÀ DI RIFERIMENTO

Contesto:

L'Etiopia ha una popolazione di oltre 99 milioni di abitanti con un’aspettativa di vita di 65 anni e con il 43,6% di probabilità di non arrivare ai 40 anni, soprattutto nelle zone rurali più povere, come Hadiya, sud dell’Etiopia, nella regione di Southern Nations, Nationalities and People (SNNPR), e il Tigray, nel nord dell’Etiopia, tipica regione di partenza (si stimano circa 40.000 partenze all’anno) e di arrivo di migranti, soprattutto irregolari. Entrambe le aree sono caratterizzate da un’agricoltura di sussistenza, da un’alta densità abitativa, da scarsità di servizi e infrastrutture, e da livelli di sicurezza alimentare molto bassi.
Situazione divenuta allarmante con l’eccezionale siccità del 2017 con oltre 8,5 milioni di persone in stato di emergenza alimentare. E’ prioritario intervenire per rendere resilienti e proattive queste comunità con: formazione agricola e professionale avanzata, dotazione di infrastrutture ed attrezzature produttive e sperimentazione di incentivi (voucher) per formare ed introdurre professionalmente giovani disoccupati in imprese in crescita.

Descrizione del progetto e obiettivi:

I principali problemi a cui l’intervento intende rispondere sono:
•Aumento della povertà rurale.
•Aggravarsi dei livelli di sicurezza alimentare: i cambiamenti climatici hanno reso ancora più poveri ed incerti i raccolti.
•Scarsa redditività della produzione apicola e delle attività connesse per scarse competenze in produzione e commercializzazione, carenza di attrezzi efficaci, mancanza di infrastrutture condivise per una produzione di qualità e a costi concorrenziali per la commercializzazione.
•Aumento della disoccupazione, urbana e rurale, tra i giovani etiopi e le donne che non hanno concluso il proprio percorso scolastico.

Obiettivo generale del progetto è contribuire a ridurre la povertà rurale e a prevenire l' emigrazione irregolare nei distretti di Hadiya e del Tigray attraverso la creazione e la diversificazione delle fonti di reddito per giovani e donne.
In accordo alle diverse specifiche vocazioni territoriali delle due aree gli obiettivi specifici sono:
1. incrementare e diversificare le opportunità di lavoro e reddito nell’apicoltura e nell’artigianato dei giovani e delle donne di Hadiya;
2. garantire l’inserimento lavorativo di giovani disoccupati nel Tigray, Makallé, attraverso incentivi per la formazione professionale nel settore delle costruzioni attualmente in crescita.

Beneficiari:

I beneficiari diretti del progetto sono:
- 20 giovani apicoltori individuati, in collaborazione con Shalalla Beekeepers Association, in base all’età, alle particolari condizioni di fragilità socio economica, al fatto di aver abbandonato il percorso scolastico
- 10 giovani disoccupati che risiedono nell’area di Shalalla, Hadiya. Questi beneficiari acquisiranno in 6 mesi le competenze tecniche di base per divenire artigiani nella lavorazione del legno.
- 10 Donne di Hadiya. Saranno identificate, in collaborazione con Shalalla Beekeepers Association, in base ai seguenti criteri: partecipazione o adesione all’associazione, aver fruito di precedente formazione di base, svolgere attività di lavorazione della cera e del propoli in via prioritaria per il sostentamento familiare.
- 45 giovani disoccupati residenti nel Tigray.
150 cittadini del Comune di Parma che fanno parte della rete associativa dei diversi partner coinvolti, parteciperanno direttamente alla cena etiope organizzata e svilupperanno consapevolezza dell’importanza dello scambio tra realtà differenti e della cultura della cooperazione e diventeranno, a loro a volta, promotori di tali valori.

Risultati:

I risultati attesi: 1. Processi di apicoltura moderna e redditizia organizzati e condotti da 20 giovani apicoltori della seconda generazione appartenenti alla Shelalla Beekeepers Association; 2. Autonomia ed indipendenza economica di 10 giovani microimprenditori artigiani incrementata; 3. Leadership femminile di 10 donne nella produzione e commercializzazione di cera e propoli rafforzata; 4. Posizione socioeconomica di 45 giovani di Makallè.

torna a sviluppo territoriale
  • località

    Il progetto sarà realizzato nella zona rurale di Hadiya (Shallala), nella Regione del Southern Nations, Nationalities, and Peoples (SNNPR).

  • partners

    CISP ( COMITATO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO DEI POPOLI); ASSOCIAZIONE MODENA PER GLI ALTRI ONLUS; COMUNE DI PARMA; ASSOCIAZIONE DEI VOLONTARI ETIOPI; ORDINE DEGLI ARCHITETTI - PIANIFICATORI PAESAGGISTI CONSERVATORI DELLAPROVINCIA DI PARMA; ASSOCIAZIONE CIBOPERTUTTI; FATTORIA BORGHESI MORENO

  • controparte locale

    CHIESA CATTOLICA DEL DAWRO KONTA; SHELLALA BEEKEEPERS ASSOCIATION; CHIESA CATTOLICA DI SHALLALA

  • enti finanziatori

    Regione Emilia Romagna

  • durata del progetto

    27/12/2018-26/12/2019